Gli spazi dell'apprendimento nella scuola innovativa

10/10/2017 - Cavallerizza Reale

Incontro di presentazione di due progetti di rigenerazione degli spazi scolastici in fase di realizzazione a Torino: Torino Fa Scuola, Torino Educational Hub.

TAG: #architettura #pedagogia #scuola #innovazione #torino #unito #torinodesignofthecity

Relatori

  • Aldo Garbarini, direttore area servizi educativi, Città di Torino
  • Francesca Repetto, Compagnia di SanPaolo (area Politiche Sociali)
  • Raffaella Valente, Fondazione Agnelli
  • Pier Giorgio Turi, Coordinatore del Laboratorio Città Sostenibile Città di Torino
  • Alessandro Cimenti, presidente della Fondazione per l’Architettura di Torino
  • Federica Patti, Assessora all’Istruzione della Città di Torino

I rappresentanti di alcuni enti pubblici e privati della Città di Torino hanno affrontato il tema della riqualificazione dell’edilizia scolastica presentando due progetti in itinere finalizzati a ripensare gli spazi di apprendimento, le esigenze della didattica e il benessere delle persone che vivono questi spazi.

Focus di entrambi i progetti presentati è unire architettura e pedagogia per offrire modelli sostenibili sia dal punto di vista dello spazio fisico che dal punto di vista culturale. L’intersezione tra prospettiva architettonica (centrata sulle componenti spaziali del lavoro formativo) e prospettiva pedagogica (orientata sulle sue componenti didattiche) vuole creare luoghi che consentano di innovare la scuola in quanto spazio collettivo che vada oltre l’orario delle lezioni.

Il progetto Torino Fa Scuola (realizzato da Fondazione Agnelli e Compagnia di San Paolo in collaborazione con Città di Torino e Fondazione per la Scuola) sta lavorando alla riqualificazione delle scuole Pascoli e Fermi con l’obiettivo di rinnovare gli ambienti di apprendimento rispondendo alle esigenze specifiche degli attori che popolano gli edifici.

Il progetto Torino Educational Hub ha l’obiettivo di rigenerare il polo scolastico di via Bardonecchia lavorando sul concetto di scuola come centro civico, spazio di interazione con il territorio, polo e sensore di attività di rigenerazione culturale e fisica, spazio educativo flessibile in orario scolastico ed extra-scolastico.

Il focus dell'incontro è stato: ripartire dalla scuola per riqualificare la città. Per questo Torino si impegnerà a migliorare la qualità degli ambienti scolastici mediante progetti di coinvolgimento di studenti e insegnanti che uniscano architettura e pedagogia, per una scuola più accessibile, aperta e inclusiva.


Testo di Valeria Collino

Foto di Andrea Liuzzo