Il design non è una cosa seria

13/10/2017

18.00 LabOratorio di San Filippo Neri, via Maria Vittoria 7

Prima presentazione assoluta del libro di Cristina Morozzi "Il design non è una cosa seria. Memorie di una ragazza radicale", Rizzoli editore 2017. Rivelazioni autobiografiche “indisciplinate” di rapporti sorprendenti.

19.00 Galleria Soprana del MIAAO – Museo Internazionale delle Arti Applicate Oggi, via Maria Vittoria 5

Alle ore 19 la prima esposizione assoluta di sette prototipi differenti della poltrona Bloom, restyling di Hussain Harba per Poltronova sulla base dell’iconica seduta-guantone Joe del 1970 progettata da De Pas, D’Urbino, Lomazzi. Segue l’inedita esibizione di un guardaroba di preziosi paramenti sacri del 700 della Congregazione dell’Oratorio di Torino, sportwear cristiano “integralista” e abiti femminili perturbanti, in un apparato di Marina Nekhaeva.

TAG: #design #arte #moda #filosofia #designdelprodotto #creatività #torinodesignofthecity #MIAAO #letteratura #conceptdesign #comunicazione #esposizione #picto #Unito #Polito

Relatori

  • Cristina Morozzi, Design Director of Education, Design School di Istituto Marangoni

Cristina Morozzi, dal 2014 Design Director of Education della "Design School dell'Istituto Marangoni" di Milano, presenta in anteprima assoluta al LabOratorio di San Filippo Neri di Torino il suo nuovo libro "Il design non è una cosa seria: memorie di una ragazza radicale" di Rizzoli editore, 2017. Tra moda, filosofia e design, Cristina racconta attraverso una familiare chiacchierata con il direttore del "MIAAO - Museo Internazionale delle Arti Applicate Oggi" - Enzo Biffi Gentili, partecipanti e intervistatori la storia della sua vita: dall'infanzia e adolescenza a Firenze, alle esperienze in ambienti politici e radicali come studentessa di filosofia, come curatrice delle biennali di Torino e Milano, alle collaborazioni con "Coincasadesign" e "Skitsch" fino alla "Design School dell'Istituto Marangoni". Un incontro stimolante e fuori norma, attraverso rivelazioni autobiografiche “indisciplinate” di rapporti sorprendenti.


Testo di Silvia Kuehl

Foto di Federica Messina