TO-Make: Design for Innovation

11/10/2017 - Torino Incontra

Seminario incentrato sul tema della produzione, industriale e non, di oggetti di design, con particolare riguardo alle esperienze più innovative di progettazione del processo produttivo e del suo background riflessivo.

TAG: #torinodesignofthecity #design #innovazione #unito #polito #torino #torinoincontra #picto #comunicazione #designforall #modularità #qualità #riparabilità

Relatori

Moderatore: Cesar Mendoza - ADI delegazione Piemonte e Valle D'Aosta.

  • Monica Pedrali - CEO, Sales and Marketing Pedrali Spa.
  • Denis Santachiara - Designer, Autore
  • Frida Doveil - Architetto e Autrice
  • Daniele Lago - AD e Head of Design a Lago Spa

Quando si pensa all’innovazione è inevitabile approdare nei numerosi esempi di alta tecnologia con cui quotidianamente abbiamo a che fare. In questo modo ci focalizziamo unicamente sul prodotto e oscuriamo l’intero suo background, che viene a galla quando è simbolo di illegalità e sfruttamento. Però oltre a questo mondo particolarmente cupo esistono esempi altamente innovativi e che danno un ampio ruolo al Design in senso lato. Queste esperienze sono state al centro del seminario tenutosi presso la sala Giolitti della “Torino Incontra”.

Partiamo dal consumatore e le sue nuove esigenze. Egli oggi si trova in un mondo in continua evoluzione, il quale incontra grossi problemi di cui tutti noi sentiamo parlare: i cambiamenti climatici, il problema dell’inquinamento. Oltre a questo però abbiamo anche una evoluzione del pensiero dell’uomo, che si riflette nella sua società, molto più liquida e flessibile. Tutto ciò trova voce nella nuova istanza del “riparabile” e del modulare portata avanti molto vigorosamente da Frida Doveil, Architetto e Designer che da qualche anno fa ricerca in questo ambito. Questa istanza contiene al suo interno il concetto di rispetto, rispetto per il prodotto ma anche per il suo background di produzione, che conosciamo sempre meno. In questo senso la riparabilità porterebbe a una maggiore consapevolezza del prodotto e dunque un maggior rispetto del progetto e del progettista.

Per quanto riguarda il processo produttivo le esperienze più innovative esprimono come il rispetto possa essere un valore aggiunto per le imprese. Rispetto per l’ambiente, rispetto per la propria identità e tradizione, rispetto per il consumatore. Questi sono valori fondamentali che attraverso la progettazione e le nuove tecnologie hanno reso la Pedrali una delle più importanti aziende d’Italia di Design. Ma per fare tutto ciò non dobbiamo mai dimenticare che l’innovazione ha unicamente solo a che fare con l’umanità, ha evidenziato Daniele Lago, AD della Lago spa. Produrre bellezza implica la bellezza del processo produttivo, per cui al centro della produzione sta l’uomo che produce, il manovale. Tutta la fabbrica deve fare in modo che il lavoratore ami ciò che fa. Questo è l’unico modo per avere i migliori risultati. L’estetica, secondo Lago, ha molto potere sia in funzione della produzione, ma soprattutto nel prodotto finale che comunica, perché la qualità è educativa. Oggi attraverso la tecnologia applicata al prodotto abbiamo la possibilità di rendere il tutto condivisibile, come fa la Lago Spa con prodotti che si basano sull'idea di condivisione. Un tavolo non è solo atomo, ma anche un luogo dove le persone si incontrano e vivono.

In questo mondo dell’innovazione il Design ha un ruolo centrale in quanto progettista e regista del cambiamento. E come dice Daniele Lago “Il futuro lo cambi con un presente straordinario”.

Testo di Tapia Julio

Foto di Valeria Collino